Nuvole di colore

(da The Garden - Luglio 2017)

Autore : Bob Brown, capogiardiniere e membro del Comitato Botanico dell'RHS
Traduzione : Mariangela Barbiero

Con le sue delicate nuvolette di fiori il Thalictrum è un'elegante pianta da bordura
ed è stato anche oggetto di test da parte dell'RHS

 

 

L'elegante Thalictrum delavayi all'alba
L'alto ed elegante Thalictrum rochebruneanum riempie lo sfondo di una bordura estiva.

 

 

Con i suoi soffici e vaporosi fiori di un delicato giallo, che si ergono su un bel fogliame glauco, il Thalictrum flavum avrà suscitato l'ammirazione di molti.
Quest'affascinante - benché sottovalutata - perenne nativa inglese è uno dei tanti thalictrum che si vedono nei giardini, un genus che tra il 2013 e il 2016 è stato oggetto di test da parte dell'RHS nei giardini di Aberglasney nel Carmarthenshire, una contea del Galles.

I thalictrum dei nostri giardini
Nel complesso i thalictrum sono piante senza problemi, che offrono foglie e fiori molto attraenti, in nuvolette che spuntano da agili steli. Il loro fascino infatti è pari a quello della gissofila e contrasta con le piante vicine, più compatte, meno eteree. I fiori non hanno petali ma sepali trasformati e spesso con stami e pistilli appariscenti. Una o due specie hanno fiori più grandi, in particolare il T. tuberosum ‘Rosy Hardy' e il T. diffusiflorum, con fiori che raggiungono i 2,5 cm di diametro, ma questi non sono così facili da coltivare in giardino.

Il giallo del Thalictrum flavum
e il rosa del Thalictrum aquilegiifolium
con Anthemis e Digitalis grandiflora

La maggior parte dei thalictrum sono forti e non necessitano di molte cure; infatti, nel giardino di un mio parente esiste fin dagli anni Venti del secolo scorso una pianta di T. flavum tuttora prosperosissima. Le specie variano in altezza, da piante adatte ad ambienti alpini, a piante per bordure erbacee e prati fioriti. Pochi (T. minus e T. simplex) posseggono rizomi ma sono davvero adatti solo per rotonde stradali.
Il fogliame del thalictrum è glauco con foglioline, suddivise in due o tre segmenti dentati, che creano effetti meravigliosi. Alcune cultivar sono variegate e un paio sono apprezzate anche per gli steli, oltre che per fiori e foglie. Durante i test, per ogni tipo di thalictrum solo alcune piante furono tutorate. In generale, il thalictrum, se non è troppo alto, si sostiene da sé, ma per lo più ha bisogno di sostegno, come i rami di piante vicine o veri e propri supporti.
Il thalictrum cresce bene ovunque in clima temperato, fatta eccezione per l'Australasia. Non so di nessuna specie delicata, anzi per la maggior parte sono piante che resistono fino ad almeno -20°C.

Crème de la crème

Le nuvole gialle del Thalictrum flavum in contrasto con i coni arrotondati dei tassi nel Giardino del Castello di Sissinghurst nel Kent.

Forse il thalictrum maggiormente coltivato nei giardini britannici è il T. delavayi, le cui nuvole purpuree di fiori con stami crema e foglioline glauche arrivano a circa 120-140 cm, e aggiungono in estate morbidezza alle bordure. Un terreno alcalino, pesante e non migliorato, non gli si confà, mentre gli piace un luogo aperto a mezz'ombra. Il T. delavayi 'Ankum' col suo fogliame eccezionale e gli scuri steli risaltava nei test; sono stati presi in considerazione anche il bianco T. delavayi 'Album', con fogliame verde pallido (meno vigoroso, che raggiunge al massimo 95-110 cm) e il T. delavayi 'Hewitt's Double' (70-90 cm) dai fiori doppi. Simile ma più grande è il T. rochebruneanum, che raggiunge il metro e mezzo. Sempre durante i test, i T. 'Elin' e 'Anne' (ibridi di T. flavum subsp. glaucum e T. rochebruneanum) erano simili. Per quanto ne so, 'Anne' è il solo ad avere scenografici steli porpora eretti fino a più di 250 cm, con fogliame glauco e bocci rosa porpora che si aprono d'estate in fiori con sepali bianchi e stami e pistilli color crema dorato. I loro fiori sono forse meno attraenti di quelli del T. delavayi; entrambi hanno un fogliame che da giovane presenta chiazze violacee che nel corso della stagione virano al glauco, mentre gli steli restano viola scuro.
La cultivar migliore di T. flavum nei test risultò da una mutazione dei semi che presentava un armonioso fogliame grigio-azzurro e fiori gialli piumosi a inizio estate, denominata durante i test T. flavum subsp. glaucum 'Ruth Lynden-Bell'. La cultivar T. flavum 'Illuminator' ha un fogliame giallo crema all'inizio che poi diventa verde, ideale per le bordure di inizio primavera. Una pianta gigante è T. 'Tukker Princess', che in un buon terreno può raggiungere i 4 m; invero i fiori gialli delle mie piante sono quasi invisibili giacché vanno a fiorire nella chioma di un vicino noce. Sarebbe bene perciò associarlo ad altre piante grandi come l'Erba della Pampa e il Silphium terebinthinaceum.

Al settimo cielo

Un'altra specie popolare, il T. aquilegifolium, è un fiore primaverile. I fiori bianchi o in sfumature che vanno dal rosa al lilla arrivano a 1 m e più di altezza; se all'ombra, la pianta non si piega in cerca di luce e il fogliame, simile a quello delle aquilegie, resta bello per tutta la stagione.

Thalictrum 'Black Stockings'

La cultivar T. a. 'Thundercloud' dovrebbe avere affascinanti fiori di un porpora intenso su steli robusti - ma alcune piante oggi in commercio sotto questo nome si rivelano invece piccole e deboli, con fioriture di breve durata. Per contro, T. 'Black Stockings' (probabilmente un ibrido di T. aquilegifolium) con steli viola scuro, fogliame verde e fiori di un rosa purpureo intenso si rivela una scelta molto valida. Sia T. 'Splendide' sia 'Splendide White' sono piante eleganti, con fiori delle stesse dimensioni di quelli del T. delavayi ma raggruppati in immensi capolini la cui bellezza dura a lungo.
Io coltivo il T. lucidum per il suo aspetto: è elegante, con foglie caratteristiche, composte da sottili lucide foglioline, fiori gialloverdi a metà estate in cima a steli di 1,5 m. In autunno esibisce un bel colore giallo. Simile ma più alto, il T. morisonii supera anche i 2 m.
T. ichangense è ideale per posti piuttosto asciutti, al sole o all'ombra. Il fogliame è la sua attrattiva principale; ognuna delle tre foglioline è larga e di color porpora scuro marmorato. I piumosi fiori color malva spuntano 30 cm sopra il fogliame e sono presenti da aprile fino a ottobre almeno. Vale anche la pena di provare il T. kiusianum, che raggiunge i 15 cm. Io lo coltivo in vaso e migliora anno dopo anno: fiorisce continuamente con soffici fiori bianco rosati da giugno a ottobre.
I thalictrum sono validi comprimari: i fiori, la cui bellezza non è fugace come nel giglio o nella peonia, contrastano con le testure di altri fiori, temperano le compatte masse di colore con le loro deliziose filigrane, donando tocchi di luce e di grazia alle nostre bordure estive.

I test dell'RHS sui thalictrum
Si sono svolti nell'orto dei Giardini di Aberglasney, nel Carmarthenshire per valutare i diversi thalictrum e assegnare l'RHS Award of Garden Merit (AGM).

Curiosità

Nell'assunto che un sito nell'umido Galles occidentale fosse adatto per la maggior parte dei thalictrum, erano stati esclusi quei pochi originari di ambienti caldi e asciutti. Tuttavia, innavvertitamente, ne è stato coltivato uno, il T. tuberosum. Curiosamente, lui prosperava mentre altri soffrivano, probabilmente a causa delle condizioni troppo umide...
Le piante furono valutate per quantità di fiori prodotti, tempi e durata della fioritura, qualità di foglie e fiori, forma e portamento, resistenza a parassiti e malattie, e per il vigore.

Questi i thalictrum che hanno vinto l'AGM:

  • T. 'Black Stockings'
  • T. delavayi 'Ankum'
  • T. delavayi var. delavayi clone senza nome (in attesa di nomenclatura e disponibilità)
  • T. 'Elin'
  • T. flavum sups. glaucum 'Ruth Lynden-Bell'
  • T. rochebruneanum
  • T. 'Splendide White'
  • T. 'Tukker Princess'
Mentre non sono stati premiati:
  • T. aquilegifolium 'Thundercloud'
  • T. delavayi
  • T. delavayi 'Hewitt's Double'
  • T. flavum subsp. glaucum

Piume estive
Fotografati l'11 luglio 2016 nei Giardini di Aberglasney nel Carmarthenshire, convenzionati con l'RHS.

T. 'Anne'
T. 'Tukker Princess'
T. delavayi var. mucronatum
T. flavum subsp. glaucum 'Ruth Lynden-Bell'
T. 'Elin'
T. delavayi 'Ankum'
T. 'Splendide White'
T. rochebruneanum
T. lucidum
T. ichangense
T. diffusiflorum